priez

dall’antica Atella un messaggio inquietante…

La manifestazione per l’intitolazione di una strada tra Sant’Arpino e Grumo Nevano a Carlo di Borbone si è trasformata in un trionfo degli studenti locali che, contro ogni programmazione e protocollo, si sono scatenati con le bandiere delle Due Sicilie al canto della Carmagnola, l’inno dei Lazzari e dei Sanfedisti del 1799, precursori dei briganti. Il sangue gigliato dei giovani dell’attuale Sud sta affiorando quale terribile e inquietante segnale per i neogiacobini che intendono ancora opprimerli con la falsa storia e i falsi miti. Il P2S e i NBA, assieme agli altri attivisti borbonici , saranno al loro fianco per il riscatto delle Patria Nostra!

13241229_10205289547991932_7208104981296678097_nIl P2S sarà presente e coinvolto nella bella manifestazione che comincerà con il suo aspetto didattico-culturale con il convegno agli studenti della zona con relazione sul grande Re del prof. Vincenzo Gulì.

Scaletta della manifestazione

Teatro Lendi  ore 10:00

  • INNO BORBONICO (Orchestra)
    • 1° reading – De Sivo
  • Saluti autorità comunali:

Assessore alla Cultura  – Brasiello

Sindaco – Zullo

  • Saluti Marchese Pierluigi Sanfelice di Bagnoli
  • Saluti SS

DS  Liceo scientifico – Siani -Prof.ssa Rosaria Barone

D S  I.C. Rocco – Cav Cinquegrana – Prof.ssa Maria Debora Belardo

 

 

  • De Chiara per l’introduzione del tema della conferenza

 

  • Prof Limone: “Carlo di Borbone– Re illuminato”
  • 2° Reading – epigrafe stele vittoria di Bitonto

CANTO:  BRIGANTI SI MORE

  • 3° Reading – Quann song scurrett
  • Prof Gulì “ Le condizioni economiche del Regno delle Due Sicilie nel periodo pre-unitario d’Italia”
  • 4° reading – L’eccidio di Pontelandolfo
  • 5° reading – Proclama di Francesco II
  • 6°reading – Lettera del Senatore D’Azeglio a Matteucci

 

CANTO:  LA CARMAGNOLA

 Il progetto

Il comune di Sant’Arpino (sull’antico e celeberrimo territorio di Atella, della prov. di Terra di Lavoro nel circ. di Succivo) ha deliberato per il tricentenario della nascita di Carlo, capostipite di Borbone Due Sicilie, di intitolare una strada alla sua augusta memoria. L’iniziativa è stata portata avanti dall’Associazone Culturale Borbonica “Terra di Lavoro” di Caserta con ilo suo presidente Pompeo De Chiara ed ha subito avuto l’adesione dei NBA e quindi del P2S di cui De Chiara è segretario. Si stanno preparando grandi cose per l’imminente inaugurazione nell’ottica di rafforzare le radici di una popolazione come quella atellana massacrata da 155 anni di malaunità.

Ecco la prima pagina della delibera della giunta comunale che cita “via Carlo Sebastiano di Borbone” dal nome spagnolo Carlos Sebastiàn de Borbòn y Farnesio, cioè quel grandissimo sovrano che per Napoli è conosciuto come Carlo VII (e dagli ignoranti e detrattori Carlo III).delibera