Un’antica e importantissima capitale conquistata dai barbari assiste al suo degrado completo che si accompagna a quello dei suoi abitanti. Napoli ha subito, dopo la malaunità, uno scempio anche edilizio di dimensioni inaudite. I vari rifacimenti che le mura e le porte della città avevano ricevuto in precedenza non hanno niente di paragonabile con i disastri voluti o permessi dai Savoia. Di seguito degli esempi assai penosi che riguardano tre delle ventisei porte partenopee, nell’ordine:

  1. Porta Nolana con le costruzioni private che la opprimono
  2. Porta Capuana con i palazzi a sinistra eretti direttamente sulle mura
  3. Porta dei Tornieri (o di Mezzo o Zabatteria) addirittura inglobata in un pubblico esercizio nell’incrocio tra via Marina e via Duomo.

In nessun’altra parte ciò sarebbe stato consentito e tanto meno accettato nel tempo  perché per tali mostruosità non sono ammissibili “condoni o sanatorie di alcun genere”. Eppure la vita scorre indifferente accanto a questo obbrobri intollerabili. Quando ci riapproprieremo della nostra capitale?

V.G.

P.Nolana

P.Capuana

P. Tornieri